Stampa

Viaggiare con animali al seguito

Le regole variano in base al mezzo di trasporto e alla destinazioneEsistono certo delle regole generali, che elenchiamo qui insieme alla descrizione dei documenti necessari. Alla fine di questa scheda, inoltre, forniamo un elenco delle principali malattie del territorio italiano.

IN GENERALE

PRECISAZIONE

  • Per il trasporto dei cani, con eccezione del cane guida per non vedenti, è necessario il certificato di iscrizione all'anagrafe canina, che deve essere esibito ad ogni richiesta del personale. Il proprietario, o l'accompagnatore dell'animale ha l'obbligo di provvedere alla sorveglianza ed è responsabile di tutti i danni eventualmente recati dall'animale stesso.

DOCUMENTI&C.

Quando si programma un viaggio col proprio animale, bisogna essere innanzitutto certi di aver adempiuto agli obblighi previsti dalla regolamentazione, sanitaria e non.

  • Libretto delle vaccinazioni - compilato da un medico veterinario, vi sono riportati i dati del proprietario, i dati dell’animale, le vaccinazioni e la data in cui queste sono state effettuate.
  • Certificato di buona salute - certificato sul quale viene dichiarato da un medico veterinario lo stato di buona salute dell’animale.
  • Certificato di vaccinazione antirabbica - certificato, rilasciato da un medico veterinario o dal Servizio Veterinario dell’ASL, che attesta l’avvenuta vaccinazione dell’animale contro una data malattia, di solito la rabbia.
  • Certificato internazionale di origine e sanità per l'espatrio - certificato, rilasciato dal Servizio Veterinario dell’ASL è obbligatorio per i viaggi all'estero, che attesta la provenienza dell’animale, il suo stato di salute e le vaccinazioni obbligatorie, incluso se è vaccinato contro la rabbia (vaccinazione obbligatoria anche in alcune aree dell'Italia: Sardegna, Sicilia ed Isole) almeno 1 mese prima della partenza e da non oltre 11 mesi. La sua validità è di 30 giorni, può essere rinnovato anche all’estero ed è indispensabile anche per rientrare in Italia. In Europa osservare le disposizioni definite dall'Unione Europea.

Poi, informarsi:

  • sui regolamenti delle varie compagnie di trasporto: aeree, marittime e ferroviarie, mezzi pubblici. Consultare il relativo sito web, oppure contattare direttamente la compagnia in questione.
  • sulle strutture alberghiere che accettano animali e a quali condizioni.
  • sui recapiti dei centri veterinari il più vicino possibile alla meta del nostro viaggio.
  • sull'eventualità di fare un'assicurazione che garantisca copertura dalle responsabilità civili, per eventuali danni causati dal nostro animale.

 

Quale mezzo di trasporto vi interessa?

AUTO

In merito al trasporto degli animali in auto, l'art. 169 - Trasporto di persone, animali e oggetti sui veicoli a motore, comma 6 del Codice della Strada dispone quanto segue:
"Sui veicoli diversi da quelli autorizzati a norma dell'art. 38 del decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320 , è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida. È consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri.
A parte seguire le regole del buonsenso da parte dei proprietari (organizzare un vano posteriore con divisori, fissi o rimovibili, dal resto dell'abitacolo dell'auto, oppure usare trasportini di dimensioni idonee; fermarsi regolarmente per far sgranchire le zampe e fare la pipì), lungo la rete autostradale italiana di rado troverete servizi per animali - mentre invece è quasi ovunque vietato il loro l'ingresso nelle aree comuni (bar, ristoranti, grill, etc.).
Molto spesso, meglio sostare presso le semplici aree di parcheggio.

AEREO

Le compagnie aeree consentono il trasporto di animali, MA per quanto riguarda l’accesso in cabina dove viaggerete anche voi, non esiste una regolamentazione unica.

In cabina o nella stiva?

  • In generale per ogni volo è ammesso in cabina un certo numero di animali: cani di piccola taglia (inferiori a kg. 10 di peso), gatti o conigli e altri piccoli pets (alcune compagnie accettano il classico trasportino, altre ne richiedono di particolari) possono quindi viaggiare al seguito del passeggero come bagaglio a mano. I cani di media o grande taglia, invece, viaggiano nella stiva pressurizzata in apposite gabbie rinforzate, o trasportini di dimensioni prefissate, che però non sempre sono forniti dalla compagnia. Ogni compagnia stabilisce il tipo di gabbietta utilizzata per il trasporto dell’animale, il numero degli eventuali animali accettati in cabina, la possibilità di farli uscire o meno dalla gabbietta, etc.
  • Alcune compagnie garantiscono l’assistenza di personale specializzato, centri di assistenza e di ristoro per gli animali duranti gli scali.
  • In caso di scali intermedi, assicurarsi  che il vostro amico sia sempre imbarcato con voi!

 

Come conoscere le regolamentazioni di ogni compagnia?
Qui forniamo un esempio di info generali, ma ricordate di visitare prima del viaggio il sito ufficiale della compagnia aerea che vi interessa: troverete la regolamentazione più completa e soprattutto la più aggiornata.
Alitalia, Air One, Meridiana - www.alitalia.it, www.flyairone.it, www.meridiana.it

  • Cani e gatti nel trasportini possono viaggiare in cabina col passeggero se il peso complessivo ( animale+trasportino+eventuale cibo) i 10 kilogrammi mentre 8 per Alitalia. Il proprietario dovrà preoccuparsi per il cibo ed acqua al proprio animale.
  • Per animali più grossi è previsto il viaggio in stiva pressurizzata come "bagaglio registrato" in un apposito trasportino di dimensioni adeguate fornito a nolo dalla compagnia stessa.
  • Le dimensioni dei trasportini ammessi come bagaglio a mano sono le seguenti: Alitalia: 48x33x2, Meridiana: 48x33x29; Air One: 46x25x31.
  • Possibile tenere nello stesso trasportino in cabina con voi fino ad numero massimo di 5 animali ma che comunque nel totale non devono superare il peso di 6 kg per Alitalia e 8 per Air One comprensivo di contenitore e cibo. Per l'animale che vi segue in cabina potrebbe essere previsto il pagamento di un biglietto il cui costo è in percentuale del costo del biglietto del passeggero, occorre pertanto informarsi all'atto dell'acquisto dei biglietti.
  • Gli animali accompagnatori di non vedenti ( e non udenti per Alitalia) viaggiano in cabina gratuitamente senza limitazioni di peso, ma con museruola.

TRAGHETTO

  • Tutte le compagnie di navigazione accettano a bordo animali senza problemi. La presenza dell'animale andrà fatta presente al momento dell'acquisto del biglietto e al Commissario di bordo all'atto dell'imbarco.
  • Indispensabile avere con se il libretto sanitario dell'animale, aggiornato.
  • Spesso le grandi navi sono dotate di un canile a bordo dove dovremo obbligatoriamente lasciare gli animali di media grossa taglia, i gatti potranno essere trasportati nel loro trasportino come bagaglio a mano mentre i cani di piccola taglia potranno essere portati al seguito se al guinzaglio e con museruola.
  • Normalmente il trasporto è gratuito,  ma per gli animali di grossa taglia potrebbe essere chiesto il pagamento di un biglietto ridotto.

Come conoscere le regolamentazioni di ogni compagnia?
Qui forniamo un esempio di info, ricordate di visitare prima del viaggio il sito ufficiale della compagnia di traghetti che vi interessa: troverete la regolamentazione più completa e aggiornata.

    • Grimaldi group - www.grimaldi.it
      Sulle navi del gruppo Grimaldi generalmente il ponte 9 è dedicato ad ospitare i nostri beniamini, qui infatti troverete apposite gabbie che li ospiteranno per il viaggio, le chiavi dovranno essere richieste alla reception al momento della partenza. Su questo ponte potranno inoltre mangiare e fare qualche piccola passeggiata. E' vietato l'ingresso di cani e gatti nelle restanti parti della nave. Viene chiesto il pagamento di un biglietto ridotto il cui prezzo varia in funzione della tipologia e delle dimensioni dell'animale.
    • Sardinia e Corsica Ferries - www.corsicaferries.it, www.sardiniaferries.it
      Su queste linee gli animali sono ben accetti. I cani, con museruola e guinzaglio, possono passeggiare nelle stesse aree adibite per i passeggeri senza alcun problema, ad eccezione del ristorante. Chi alloggia in cabina può tenere con se il proprio animale. e' indispensabile avere al seguito il certificato di buona salute e di vaccinazione dell'animale non superiori a tre mesi dalla data di rilascio.
    • Moby - www.moby.it
      I cani sono ammessi con guinzaglio e museruola, tutti gli animali debbono essere lasciati in apposite gabbie ne è vietata infatti la circolazione nelle aree comuni per i passeggeri e nelle cabine. Viene richiesto un certificato di buona salute ed il libretto sanitario con l'aggiornamento delle vaccinazioni. Le tariffe variano in base al tariffario in vigore.
    • Tirrenia navigazione - www.tirrenia.it
      Sono ammessi cani, gatti e piccoli animali domestici . I cani, in particolare i cani devono essere muniti di guinzaglio e museruola, e durante il viaggio dovranno accomodarsi nel canile di bordo Altri animali di piccola taglia devono restare chiusi nei loro trasportini o gabbiette. A nessun animale è concesso l'accesso alle cabine passeggeri o nelle sale destinate ai passeggeri. Per salire a bordo l'animale deve essere fornito di certificato del veterinario che ne attesti la buona salute. Per la Sardegna inoltre è obbligatoria la vaccinazione antirabbica. Tariffe secondo tariffario in vigore.

    TAXI / MEZZI PUBBLICI (autobus, tram, metro, etc.)

    I regolamenti per l'accesso degli animali sui mezzi pubblici variano da Comune a Comune, ma di norma dove è possibile il trasporto di animali previo pagamento del biglietto, i cani dovranno indossare guinzaglio e museruola mentre i gatti dovranno restare chiusi nel loro trasportino.

    • Se non esiste una regolamentazione comunale in merito, fanno testo i Regolamenti delle stesse aziende di viaggio che gestiscono il trasporto (per es., ATAC per Roma), che troverete sui siti ufficiali delle aziende stesse.
    • Se l'autista di un mezzo pubblico vi impedisce di portare con voi l'animale e voi sapete (o scoprite poi) che il regolamento aziendale diceva tutt'altro, inviate subito una Raccomandata A/R al Presidente della società in questione, chiedendo in modo diretto di vedere rispettato il Codice etico da parte dei suoi dipendenti. Citate giorno, ora, tipo e numero della vettura e descrivete l'accaduto.
    • Se dovete prendere un taxi bisogna specificare la necessità del trasporto dell'animale al momento della richiesta e verificare cosa vi rispondono.

    TRENO

    Pubblichiamo parte del Regolamento ufficiale di TRENITALIA (prima di partire, consigliabile controllare eventuali aggiornamenti direttamente sul sito dell'azienda.)

    In generale

    • In nessun caso gli animali ammessi nelle carrozze possono occupare posti destinati ai viaggiatori e qualora rechino disturbo agli altri viaggiatori, l'accompagnatore dell'animale, su indicazione del personale del treno, è tenuto a occupare altro posto eventualmente disponibile o a scendere dal treno.
    • Il biglietto relativo al trasporto dell'animale è cambiabile secondo l' art. 8 delle presenti C.T. e è rimborsabile solo se presentato congiuntamente a quello emesso per il viaggiatore. L'importo non rimborsabile (pari o inferiore a 8,00 euro, dopo l'applicazione della trattenuta) deve essere calcolato sull'importo complessivo.
    • Nel caso in cui il proprietario risulti sprovvisto del biglietto previsto per l'animale viene regolarizzato mediante il pagamento dell'importo dovuto maggiorato della soprattassa di 200,00 euro. Se il pagamento è effettuato entro il 15° giorno dalla data della notifica l'importo è ridotto a 100,00 euro. Se il viaggiatore si presta al pagamento immediato delle somme dovute al personale del treno, la soprattassa è ridotta a 50,00 euro.
    • Nel caso in cui gli animali non siano ammessi al trasporto, ivi compreso il caso della mancanza del certificato di iscrizione all'anagrafe canina di cui al precedente punto 2, il proprietario viene regolarizzato mediante il pagamento della penalità di 200,00 euro ed è tenuto comunque a scendere, unitamente all'animale, alla prima stazione in cui il treno effettua fermata. Se il pagamento è effettuato entro il 15° giorno dalla data della notifica l'importo è ridotto a 100,00 euro. Se il viaggiatore si presta al pagamento immediato delle somme dovute al personale del treno, la soprattassa è ridotta a 50,00 euro.
    • Per ogni contenitore eccedente le dimensioni ammesse in franchigia è dovuto il pagamento, salvo diversa disposizione tariffaria, della penalità di 8,00 euro ed il proprietario è tenuto comunque a scendere alla prima stazione in cui il treno effettua fermata.
    • Se l'irregolarità riguarda sia il biglietto del viaggiatore che il rispetto delle condizioni di trasporto dell'animale oppure nel caso di utilizzazione di più treni di categoria diversa, le soprattasse o le penalità dovute si applicano una sola volta.
    • Sono sempre esclusi dal trasporto i cani appartenenti a razze ritenute pericolose secondo lo specifico elenco del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali.
    • E' ammesso il trasporto a titolo gratuito del cane guida delle persone non vedenti anche se accompagnate, su tutte le categorie di treni, compresi quelli effettuati con materiale ETR 450.

    Piccole e grandi taglie: le regole

      • Cani piccola taglia - gatti - altri piccoli animali domestici: ammesso, salvo particolari eccezioni, nella 1° e 2° classe di tutte le categorie di treni, custoditi nell'apposito contenitore di dimensioni non superiori a 70x30x50 e tale da escludere lesioni o danni sia ai viaggiatori che alle vetture. Sono esclusi i treni effettuati con materiale ETR 450. A bordo delle carrozze a cuccette, vetture comfort, vagoni letto, vetture Excelsior ed Excelsior E4 il compartimento deve essere acquistato per intero.
      • Cani di altre taglie: ammesso il trasporto alle seguenti condizioni:
          - Treni Intercity, Intercity Plus, Intercity notte ed Espressi
          Ammesso il trasporto del cane di qualsiasi taglia, provvisto di museruola e guinzaglio, in ragione di uno per viaggiatore, nell'ultimo compartimento (ovvero negli ultimi sei posti delle carrozze a salone) dell'ultima carrozza di seconda classe, dietro pagamento di un biglietto di seconda classe alla tariffa prevista per il treno utilizzato ridotta del 50%
          Il trasporto è ammesso, previa riservazione al momento dell'acquisto del biglietto dell'accompagnatore. Il biglietto per animali è valido solo se utilizzato congiuntamente a quello emesso per l'accompagnatore e per il treno ed il giorno prenotato.
          Il posto di fronte al viaggiatore con il cane non può essere oggetto di prenotazione e in nessun caso comunque può essere occupato dal cane.
          - Carrozze a cuccette, vetture comfort, vagoni letto, vetture Excelsior ed Excelsior E4

          Ammesso il trasporto di un cane di qualsiasi taglia, previo pagamento di un biglietto alla tariffa ordinaria n. 1/Espressi ridotta del 50%. In ogni caso il compartimento deve essere acquistato per intero. Fuori dal compartimento i cani devono essere tenuti al guinzaglio ed essere muniti di museruola.
          - Treni Regionali

          Sui treni Regionali il trasporto di un cane di qualsiasi taglia è ammesso, provvisto di museruola e guinzaglio, salvo diversa disposizione regionale, sulla piattaforma o vestibolo dell'ultima carrozza, con la sola esclusione dell'orario dalle 7 alle 9 del mattino dei giorni feriali dal lunedì al venerdì, previo pagamento di un biglietto di seconda classe alla tariffa prevista per il percorso effettuato ridotta del 50%.

         

        MALATTIE PRINCIPALI

          • ECHINOCOCCO (parassita intestinale)
            Parassita piccolissimo che si stabilizza nell’intestino e che è diffuso tra i cani da pastore che vivono a contatto con le pecore. Il cane può contrarre questo parassita cibandosi di carni di ovini o bovini infestati. La malattia non si manifesta con sintomi particolari.
            SARDEGNA - INGESTIONE DI CARNE INFESTATA - NESSUNO - NUTRIRE CON CARNI COTTE, ESAME FECI
          • LEISHMANIOSI
            La genera un piccolo insetto simile alla zanzara. La femmina di questo pericoloso animaletto è ematofoga, cioè si nutre del sangue di molti mammiferi, tra i quali anche il cane. Contro questa malattia non esiste alcun vaccino, ma solo prevenzione (distribuire sul pelo del cane gli specifici antiparassitari per evitare che il pappatacio punga il cane; se ci si trova in zone particolarmente a rischio, è bene che il cane non dorma all’aperto, in quanto l’attività del pappatacio è prevalentemente notturna).
            SUD ITALIA - SICILIA, SARDEGNA, ISOLE - PUNTURA DI FLEBOTOMI - DIMAGRIMENTO ANCHE CON APPETITO NORMALE, CRESCITA ANORMALE (eccessiva e veloce) DELLE UNGHIE - COLLARI ANTIPARASSITARI, NON LASCIARE L'ANIMALE ESPOSTO ALL'APERTA
          • FILARIOSI
            Le larve del parassita sono trasportate da un animale infetto ad uno sano attraverso la puntura di un insetto. Una volta immessa nel corpo del cane, la larva diventa adulta e si localizza nel cuore e nelle arterie polmonari.
            CARDIOPOLMONARE - PIANURA PADANA - PUNTURA DI ZANZARA PORTATRICE - STANCHEZZA, TOSSE, DISTURBI NELLE CONTRAZIONI CARDIACHE - PROFILASSI ANTIPARASSITARI (compresse che impediscono alla larva di diventare adulta.)
          • RABBIA SILVESTRE
          • Infezione virale che porta alla morte per paralisi. La malattia si trasmette da un animale all’altro mediante la saliva e attraverso il morso di un animale infetto.
            ARCO ALPINO - SANGUE, SALIVA (MORSO DI ANIMALE INFETTO: VOLPE FURETTO, TASSO, SCOIATTOLO) - DIFFICOLTA' DEGLUTIRE, BAVA, DESIDERIO DI AGGREDIRE, PARALISI PROGRESSIVA - VACCINAZIONE (in alcune regioni e Paesi stranieri è obbligatorio.)
          • LEPTOSPIROSI
            IMPRECISATA - URINA DI TOPO INFETTO ( ACQUA STAGNANTE) - FEBBRE, VOMITO, DISPNEA - VACCINAZIONE, EVITARE DI FAR BERE IN POZZANGHERE