Funghi: il nemico invisibile che si nasconde ovunque! Funghi della pelle

Valuta questo post

Pochi sanno che i funghi non sono solo cibo gustoso, ma anche abitanti permanenti del nostro corpo. I funghi si trovano in determinate quantità nell’intestino, nella vagina, nella pelle e in molti altri organi. Quando i funghi sono esposti a fattori provocatori, si moltiplicano intensamente e causano malattie fungine. 

Le micosi sono patologie della funghi ai piedi, delle mucose, delle unghie e dei capelli causate da microrganismi micotici. A causa della loro presenza ubiquitaria, queste malattie sono tra le più comuni al mondo.

funghi della pelle

Come si riconoscono i funghi sulle unghie, tra le dita dei piedi?

La micosi delle unghie (onicomicosi) è una patologia causata da organismi micotici. È causata da funghi della pelle patogeni o opportunisti. 

Funghi della pelle come riconoscerli? La micosi può manifestarsi sulle unghie delle dita delle mani e dei piedi. Possono verificarsi anche varianti miste di infezioni fungine. Va notato che il quadro clinico delle infezioni delle unghie dei piedi e delle mani è esattamente lo stesso. 

Affinché il processo patologico si sviluppi, è necessario che si verifichi un fattore scatenante: un danno alla pelle delle piante dei piedi e dei palmi. Solo allora il fungo può penetrare nell’unghia e causare danni. L’organismo micotico entra nella pelle sana, si diffonde sull’epidermide per pulire la pelle. Si concentra quindi nello spazio sub-ungueale, si moltiplica, penetra nello strato corneo dell’unghia e, se provocato da un qualsiasi fattore, provoca un processo infiammatorio. 

Segni di funghi ai piedi:

L’aspetto visivo dell’onicomicosi è determinato dalla gravità della lesione. I sintomi comuni a tutti gli stadi includono prurito, screpolature e desquamazione della pelle. Si possono notare macchie bianche e gialle anche nello strato corneale dell’unghia, la cui trasparenza e il cui colore cambiano. La nutrizione della lamina ungueale è disturbata e si verifica l’ipercheratosi. La densità, la consistenza e la configurazione dell’unghia cambiano. L’unghia diventa fragile, si sgretola e può staccarsi dal letto ungueale (onicolisi).

Possono anche verificarsi alterazioni infiammatorie nell’area perinolacale, con conseguente insorgenza di un’infezione secondaria. 

Tra i sintomi più comuni dell’onicolisi vi sono:

  • La parte rosa dell’unghia è quasi inesistente e si separa facilmente dal letto ungueale quando viene toccata;
  • Se si verifica un’infezione secondaria, l’unghia può essere gialla, verde, bianca o marrone (a seconda del tipo di patogeno);
  • Il dolore è spesso assente. In caso affermativo, è probabile che si stia sviluppando un’infezione nel letto ungueale. 
  • Deformazione del letto ungueale. Possono comparire ammaccature e sporgenze. 
  • Rottura della lamina ungueale
  • Circondando la pelle del cuscinetto sotto le unghie
  • Ispessimento delle unghie
  • Spazi vuoti dove la lamina ungueale si separa 
  • Linee di demarcazione irregolari tra le dita e le unghie dei piedi.

Possono comparire anche sintomi come incrostazioni, emorragie, lividi e un odore sgradevole.

Parassiti interni. Come riconoscerli e sintomi?

La maggior parte dei parassiti presenti nel nostro corpo vive nel tratto digestivo. Alcuni sono innocui, ma altri sono una vera e propria seccatura. 

Lo scopo della vita di qualsiasi parassita è quello di nascondere la propria esistenza nel corpo del paziente. Tuttavia, man mano che si moltiplicano, il loro numero aumenta a tal punto da non poter più passare inosservati. 

I principali sintomi della malattia sono. Vermi intestinali sintomi:

  1. Costipazione. I vermi possono essere di varie forme, dimensioni e forme. Pertanto, se il numero di vermi è elevato, i parassiti non hanno problemi a chiudere il lume intestinale e a causare stitichezza. È persino possibile sviluppare un’ostruzione intestinale. 
  2. Diarrea. Altri parassiti, invece, producono sostanze simili agli ormoni che provocano una perdita di sodio e cloruro. Questo porta a diarrea, anche abbondante.
  3. Meteorismo. Quando i parassiti si insediano nell’intestino tenue, possono verificarsi gonfiore addominale e aumento del gas. 
  4. Interruzione della funzione della parete intestinale. Normalmente tutti i micro e macronutrienti necessari per una vita normale vengono assorbiti attraverso la parete intestinale. In presenza di parassiti nell’intestino, l’assorbimento è compromesso e, di conseguenza, l’assimilazione non avviene. Nelle feci si possono trovare residui di cibo non digerito e acidi grassi.
  5. Reazioni allergiche. La presenza di tossine prodotte dai parassiti nell’organismo porta a un’attivazione del sistema immunitario, ovvero a un aumento del numero di eosinofili. 
  6. Acne. Tutte le manifestazioni cutanee: acne, punti neri, papillomi, dermatiti possono essere causate da microrganismi micotici. 
  7. Anemia. Alcuni tipi di parassiti, come il trichomonas, si nutrono di cellule del sangue. Altri, invece, succhiano gli enzimi che aiutano a produrre l’emoglobina dal corpo dell’ospite.
  8. Stanchezza cronica. A causa della grande quantità di prodotti tossici prodotti dai microrganismi, il paziente si intossica. Questo, unito all’anemia e all’alterato assorbimento di vitamine, micro e macronutrienti, porta a stanchezza cronica, apatia e depressione. 
  9. Disturbi del sistema immunitario. I parassiti rilasciano sostanze tossiche nel sangue, alle quali il sistema immunitario reagisce. In seguito alla costante attivazione, i suoi meccanismi si indeboliscono e l’organismo diventa più suscettibile alle infezioni virali e batteriche.
  10. Cancro. Esiste l’ipotesi che i parassiti possano essere anche la causa di neoplasie maligne.

Se si verificano tutti i sintomi sopra descritti, è necessario sottoporsi a un esame delle feci per verificare la presenza di uova di vermi. Se vengono trovati, è necessario procedere alla sverminazione.

vermi intestinali sintomi

Funghi intimi femminili nelle donne. Cause e sintomi

La candidosi molontica o vulvovaginale è una malattia infettiva della mucosa che riveste i genitali esterni (vulva) e la vagina. È causata da funghi opportunisti e patogeni simili a lieviti del genere Candida. Il fungo, simile a un lievito, provoca bruciore, prurito agli organi e una scarica bianca simile a una cagliata.

La mancata consultazione del ginecologo all’inizio dei sintomi provoca la cronicizzazione del mughetto. Anche l’autotrattamento con farmaci antimicotici contribuisce a questo fenomeno.

Funghi intimi femminili – cause della patologia:

La microflora vaginale è disturbata e il numero di lattobacilli diminuisce, mentre aumenta il lievito Candida. In questo caso, il numero di lattobacilli diminuisce drasticamente e aumenta quello dei funghi simili al lievito Candida. L’elevato numero di candide contribuisce al quadro clinico della malattia.

Cause della patologia:

  • Terapia con antibiotici, citostatici, ormoni.
  • Malattie croniche che colpiscono il sistema immunitario (infezione da HIV, AIDS, malattie infiammatorie sistemiche).
  • Malattie caratterizzate da alterazioni ormonali (diabete, disturbi ovarici, ipo- e ipertiroidismo, menopausa).
  • Anoressia
  • Periodo di gravidanza e allattamento
  • Lo stress
  • Scarse pratiche di igiene personale
  • Cambio frequente dei partner sessuali, rapporti sessuali non protetti
  • Uso di assorbenti interni o di altri corpi estranei inseriti nella vagina
  • Consumo eccessivo di carboidrati a rapido assorbimento. 

Sintomi.

Il fungo vaginale presenta una serie di sintomi caratteristici:

  • Prurito e sensazione di bruciore nella zona interessata.
  • Abbondanti perdite bianche/gialle di ricotta. La quantità aumenta di notte, dopo la doccia o i rapporti sessuali. Hanno un odore sgradevole e acido.
  • Arrossamento e gonfiore delle piccole labbra.
  • Dolore durante i rapporti sessuali.
  • Dolore durante la minzione.
  • Contatto sanguinante.

All’inizio del ciclo mestruale, tutti i sintomi scompaiono perché il pH della vagina diventa alcalino in questo periodo.

La candidosi cronica presenta periodi di remissione e di esacerbazione. Durante le remissioni, i pazienti di solito non hanno disturbi. I sintomi, se presenti, sono molto lievi e non causano alcun disagio. Durante le esacerbazioni, tuttavia, i disturbi sono più marcati. 

Tutti i sintomi del mughetto sopra descritti non sono specifici. Pertanto, è necessario accertarsi che la diagnosi sia corretta prima di iniziare il trattamento. A tal fine, è necessario recarsi sempre dal medico per farsi diagnosticare e trattare la patologia.

I migliori integratori per combattere le infezioni fungine

Foto
TitoloOnixanExoderminMyCofrenZenidol
Dove aquistare
ComposizioneComplesso di oli essenzialiFarnesolVitamina EClimbazoloPropoliMelissaGinkgo biloba LapachoEstratti vegetali olio d’oliva Olio essenzialeOriganoArgento colloidaleOlio di gineproVitamina ETurpinens
EffettiTrattamento e protezione dai funghiEliminare i sintomi dell’infezione fungina Prevenzione delle micosi.Allevia la sensazione di bruciore e la sindrome del dolore.Guarisce le microfratture della pelle e favorisce la rigenerazione accelerata delle ferite.Partecipa allo sviluppo dell’immunità contro la reinfezione batterica.Elimina la sudorazione eccessiva e i cattivi odori.Elimina i sintomi della malattia Aiuta a eliminare le micosiMigliora la salute di pelle e unghieImpedisce la moltiplicazione dei microrganismi micotici Normalizza i livelli di seboElimina gli odori sgradevoli dagli organi interessati 
Effetti collaterali No. No. NoNo
Controindicazioni Intolleranza individuale ai componenti del prodotto Intolleranza individuale ai componenti del prodotto Intolleranza individuale ai componenti del prodotto Intolleranza individuale ai componenti del prodotto 
Costo39€39€47€49€
Forma di produzione SprayCremaSprayCrema
Come prenderlo?Applicare sulla pelle danneggiata 1-2 volte al giornoApplicare sulla pelle danneggiata 1-2 volte al giornoApplicare sulla pelle danneggiata 1-2 volte al giornoApplicare sulla pelle danneggiata due volte al giorno. 

L’aceto di sidro di mele nella lotta contro le infezioni fungine

Il trattamento dell’onicomicosi è un processo lungo e complicato. Richiede molto tempo, sforzi e l’uso di farmaci. Oltre alla medicina tradizionale, i rimedi popolari sono spesso utilizzati per trattare le infezioni fungine delle unghie. Uno dei più efficaci è l’aceto di sidro di mele. Con esso si fanno impacchi, bagni, lozioni, unguenti, si disinfettano le scarpe. Si noti però che la concentrazione non deve essere superiore al 9%, altrimenti si rischia un’ustione.

L’uso dell’aceto per l’onicomicosi blocca lo sviluppo e la riproduzione degli organismi micotici e ne provoca la morte. L’applicazione dell’aceto aiuta a bloccare la crescita dei germi delle unghie e ne provoca la morte. Dopo un uso prolungato, l’unghia si ammorbidisce e diventa facile da tagliare o rimuovere.

I benefici dell’uso dell’aceto di sidro di mele:

  • Costo ridotto. 
  • Facile da usare e da applicare
  • Azione delicata ma efficace. Subito dopo l’uso disinfetta l’unghia, blocca la crescita e la riproduzione del fungo e infine lo uccide. 
  • Non provoca effetti collaterali.
  • Aiuta a eliminare gli odori sgradevoli e a riportare le unghie al loro aspetto originale.
  • Accelera la rigenerazione dei tessuti. 

Svantaggi dell’uso dell’aceto di sidro di mele:

  1. Alto rischio di recidiva della micosi
  2. La durata del trattamento è di 6 mesi 
  3. Ha effetto solo se l’unghia è colpita (stadio 1 della malattia)
  4. Bagni, impacchi, lozioni, unguenti e altri rimedi devono essere preparati da soli. 
  5. È possibile che si verifichino ustioni.

Controindicazioni all’uso dell’aceto di sidro di mele:

  • Ipersensibilità all’acido acetico;
  • Reazioni allergiche ai componenti dell’essenza; 
  • Gravidanza e allattamento; 
  • Bambini sotto i 12 anni; 
  • Malattie della pelle (psoriasi, eczema); 
  • Abrasioni, graffi, ferite nella zona interessata; 
  • Diabete mellito (dovuto a disturbi della nutrizione del piede).

Conclusione

Le malattie fungine sono una delle patologie più comuni dell’umanità. Statisticamente, una persona su cinque, e in alcuni Paesi addirittura due, soffre di questa patologia. Il trattamento delle infezioni fungine è lungo e difficile. Questo fatto rende importanti le misure preventive per ridurre al minimo il rischio di infezione fungina.

Lascia un commento